Slow living, piacevole evasione dalla quotidianità e dallo stress.

Tradizionalmente associata al concetto di “fare” più che “essere” – e quindi lontana dal concetto di slow living – , la vacanza è vista come il momento di spuntare la lista dei luoghi da visitare, delle attività da sperimentare e delle esperienze da collezionare.

Ma cosa succederebbe se riscoprissimo il piacere del “meno è meglio”?
Benvenuti nel mondo dello slow living, un modo di vivere le vacanze in totale serenità, lasciando che il tempo scorra lento, per scoprire i veri piaceri dell’esistenza.

 

I vantaggi di una vacanza slow

Salute Fisica e Mentale

Praticare lo slow living in vacanza ha un impatto immediato sulla nostra salute.
Ridurre la frenesia delle giornate significa abbassare i livelli di stress e permettere al corpo di rigenerarsi completamente. Gli orizzonti si allargano e si inizia ad ascoltare il proprio corpo, rispettando i bisogni di riposo, nutrimento e movimento naturale.

 

Connessione Profonda con il Luogo

Dare tempo al tempo ci consente di stabilire una connessione più autentica con il luogo che visitiamo.
Esplorare a piedi senza una meta definita, gustare un piatto tipico senza fretta, sedersi su una panchina ad osservare la gente del posto: è così che lo spirito di un luogo viene realmente assorbito e ricordato.

 

Qualità anziché Quantità

Uno dei principi dello slow living è che la qualità degli attimi vissuti prevale sulla loro quantità.
Fare meno ma farlo meglio: invece di cercare di inserire il maggior numero di attività in vacanza, ne scegliamo alcune che ci interessano davvero, dedicando loro il tempo necessario per assaporarle appieno.

 

Ricarica Creativa

Lo slow living è anche nuova energia per la mente: la calma e la tranquillità possono infatti stimolare la creatività. Con la mente libera da scadenze e pressioni, c’è spazio per osservare, pensare e magari anche trovare ispirazione. Dopo una vacanza così, si torna a casa con nuove idee e una fresca energia creativa.

Conclusione

In un’epoca dominata dal “fai in fretta”, abbracciare e vivere lo slow living in vacanza può essere – quasi – un atto rivoluzionario.

Permettersi di non fare nulla, di lasciare che il giorno si svolga con il suo ritmo naturale, di godere del momento presente, è non solo una forma di rispetto per noi stessi, ma anche per le destinazioni che scegliamo di visitare.

Una vacanza slow non è tempo sprecato; è un ritorno all’essenza del vivere, un invito a connettersi a ciò che conta davvero. E’ concedersi il lusso del tempo.
Anche la scelta del luogo è fondamentale: le dimore di charme Don Fernando 1938 sono il luogo ideale per ricreare mente e spirito. Sono un viaggio nel viaggio, un abbandonarsi al ritmo lento e piacevole della vacanza come riscoperta di sè stessi.

E in questo ritrovare se stessi, c’è tutto il segreto di una vacanza che rigenera profondamente corpo e anima.

 

Dove il tempo scorre fluido e piacevole,
lontano dalla quotidianità.